Storia

Ad oggi una delle più interessanti e significative realtà produttive di Original Equipment a livello internazionale.

1950/55

un buon inizio

Nei primi anni di attività l’azienda opera principalmente nel settore della meccanica di precisione e inizia a cimentarsi nella fusione e lavorazione dei metalli. Sono subito evidenti le numerose analogie tra le proprie capacità produttive e il settore motociclistico.
 
1955/60

dal ciclomotore

Prime forniture di mozzi, freni a tamburo e corone per ciclomotori.
 
1960/65

alluminio che passione

L’azienda decide di dedicarsi alla fusione dell’alluminio e delle leghe leggere. È l’intuizione decisiva che porterà Grimeca, nel giro di pochi anni, a raggiungere importanti primati tecnologici e di mercato. Tra i diversi componenti in alluminio prodotti in azienda ci sono anche pezzi di notevole impegno tecnologico, come l’intero carter motore completo di teste e cilindri per le motociclette dell’epoca.
 
1965/70

una grande azienda

Arrivano dall’Estremo Oriente i primi importanti clienti extra europei. Per garantire gli elevati volumi richiesti dal mercato si realizzano nuovi stabilimenti di grandi dimensioni, dotati di laboratori ed officine all’avanguardia. Nel 1968 Grimeca mette a punto il primo mozzo a doppia camma per la MORINI 350 SPORT.
 
1970/75

la forza dell’innovazione

Dopo i grandi volumi produttivi arrivano anche i primati tecnologici con una serie di inedite soluzioni costruttive che rivoluzionano la ciclistica della moto prodotta in serie.
1971, primo mozzo freno a disco - DUCATI 860 GT/750 SS/DESMO.
1972, primo impianto freno idraulico per moto con disco freno in acciaio cromato - SACHS.
1973, primo mozzo conico - SWM 250.
1974, prima ruota in lega - MORINI.
 
1975/80

non solo innovazione di prodotto

Grimeca è ormai leader di mercato a livello internazionale nelle forniture OEM - Original Equipment Manufacturer - per il settore motociclistico. In questi anni, la spinta innovativa all’interno dell’azienda si concentra  soprattutto sulle metodologie produttive, e anche in questo contesto i risultati sono di prima grandezza. Grimeca è la prima azienda in Europa ad applicare, per l’intero ciclo di fabbricazione,  i sistemi informatici CAD/CAM nella produzione di serie.
 
1980/85

l’uomo al centro

Si inaugura un importante programma di attività formative, per rispondere con un personale motivato e preparato alla costante evoluzione degli standard tecnologici. Grimeca riceve dall’Istituto Superiore per la Ricerca Scientifica il titolo ufficiale di Polo Tecnologico. La grande attenzione per la formazione si concretizza con la creazione di un proprio centro studi. In questo contesto si terranno anche lezioni e seminari per le facoltà di Informatica e Meccanica, all’interno di un protocollo di collaborazione con l’Università degli Studi di Padova.
 
1985/90

automazione flessibile

L’organizzazione dell’intera produzione avviene in un ciclo chiuso totalmente integrato e gestito per automatismi. E per soddisfare ogni specifica necessità dei clienti, i processi produttivi sono improntati alla massima flessibilità possibile. Per la prima volta si utilizza la tecnologia della pressofusione di alluminio per realizzare un intero telaio per un ciclomotore della Gilera, a cui seguirà il primo telaio di una moto per l’Honda - NSR (1988), e il primo forcellone pressofuso prodotto per la Cagiva Mito (1990).
 
1990/2000

la qualità globale

Grimeca ottiene la certificazione DNV - ISO 9001:2000 dell’intero sistema azienda. Le possibilità offerte dalla globalizzazione con l’estensione degli orizzonti distributivi portano l’azienda ad orientarsi verso nuove e sempre più specifiche nicchie di mercato. L’evoluzione dei processi produttivi, di conseguenza, si indirizza verso una marcata  diversificazione tecnologica. In quest’ottica, si aggiungono agli impianti di pressocolata le tecnologie di fusione dei metalli a “bassa pressione” e in “gravità”.
 
Dal 2006

your performance supplier

Grimeca decide di utilizzare il proprio marchio per lanciare una estesa linea di dischi freno nel mercato AfterMarket dei ricambi per moto e scooter. Oltre ai dischi freno, sono già in programma altri cataloghi dedicati a differenti tipologie di ricambi e special parts.
 
Dal 2008
Grimeca ottiene la certificazione ISO/TS:16949:2002 sviluppata dal comitato ISO e dall’International Automotive Task Force (IATF).
 
Oggi

progetti di alta qualità

Oggi Grimeca è più attiva che mai nel suo ruolo “storico” di fornitore ufficiale per le più importanti case motociclistiche.
Dei tanti progetti attualmente in produzione ricordiamo: cerchio anteriore e posteriore HONDA SH; cerchio anteriore e posteriore YAMAHA X MAX; telaio, forcellone, motore APRILIA SHIVER; telaio, forcellone, basamento carter motore superiore e inferiore APRILIA RSV4 Factory e tanti altri in via di sviluppo.